Acufen Plus

Confezione da 30 compresse

Acufen Plus

Che cos'è?

Integratore alimentare a base di Biancospino, Valeriana, Luppolo, Triptofano, Ginkgo Biloba, Vitamina C, Vitamina B6, Vitamina B2, Vitamina B12, Vitamina B1 e Vitamina A.

Codice a Barre: A939362568
Codice Registrazione Min. Sal.: 46975

Quando si può utilizzare?

consultare il medico

Posologia

Ingerire 2 compresse al giorno, preferibilmente prima di coricarsi.

I suoi componenti principali

Componente
Valeriana

Valeriana

Contiene olio essenziale, idrocarburi monoterpenici, a base di pinene, camfene, limonene, esteri del borneolo (isovalerianato di bornile, acetato di bornile), velene, valerenale, velerinone, formiato di bornile, isobutirrato di geranile, eugenolo, acido acetico, formico e malico, valerianina, catinina, isovalerianato di bornile, acido valerianico, due acidi valeriotannici, alcool chesilico, micillagine, resine, contiene anche iridoidi valeropotrati (che comprendono i valtrati, valtrato isovalerossidrina, acevaltrato, valeroclorina) diidrovaltrati, omodivaltrato, faurinone, alcaloidi, numerosi enzimi e colina, acido clorogenetico, acido caffeico, Beta-sitosterolo, tannini, gomme e molti altri componenti. Utilizzo: abitualmente usata come sedativo, tranquillante e sonnifero, ha attività depressiva sul sistema nervoso centrale. E' utile nelle sindromi ansiose, come coadiuvante, nell...

Componente
Luppolo

Luppolo

Componenti principali del luppolo sono una resina ed un olio volatile. Nella resina è presente umolone, umolinone, adumolone e preumolone, mentre nell'olio essenziale sono presenti B -mircene, Dipentene, Alfacariofilene, Farnesene, Sesquiterpene Acrilico, Alcool Sesquiterpenico, Etere Folico, Formaldeide, Metilnonilchetone, Acidi Liberi ed esterificati. Inoltre sono stati identificati flavonoidi ed antociani, proteine, amidi, glucidi, fitosterine, alcool cetilico, acido para -amino -benzoico e fitoestrogeni. Il luppolo è più comunemente usato per il suo effetto calmante sul sistema nervoso. Funziona quindi da eccellente sedativo. Nell'immagine a fianco e' riportata la formula chimica dei Fenoli, importante sostanza presente nell’essenza di luppolo.

Componente
Triptofano

Triptofano

E' uno degli aminoacidi più importanti, presente soprattutto nella carne e negli altri prodotti animali. Come gli altri aminoacidi, assunto con l'alimentazione, serve soprattutto a rigenerare i vari tessuti. Se assunto da solo, lontano da un pasto proteico (ad esempio prima di andare a dormire) il triptofano si trasforma in un neurotrasmettitore, in questo caso nella serotonina. Come tutti sanno, la serotonina può trasformarsi ulteriormente in melatonina. Quindi il triptofano, assunto alla sera, ha un marcato (e naturale) effetto calmante, concilia il sonno, distende i nervi, essendo un antagonista della dopamina che invece è il neurotrasmettitore dell'aggressività. Il triptofano puo' essere considerato “parente” della vitamina PP: attraverso processi organici puo', infatti, trasformarsi in quest'ultima; presenta alcune proprietà della vitamina sopracitata, tra le quali l'eff...

Componente
Biancospino

Biancospino

Il Biancospino possiede una spiccata affinità nei confronti del cuore, legata soprattutto ai flavonoidi e ai proantocianidoli. Provoca una vasodilatazione dei vasi sanguigni addominali e soprattutto di quelli coronarici che portano il sangue al cuore, dovuta a rilasciamento delle fibrocellule muscolari della parete dei vasi sanguigni, con aumento del flusso sanguigno in queste zone del corpo. Riduce la frequenza cardiaca in modo sensibile e potenzia l’azione della digitale sul cuore. Inoltre i flavonoidi causano un dilatazione dei vasi sanguigni, che provoca una diminuzione della pressione arteriosa. E' quindi utilissimo nell'angina pectoris, nelle nevrosi cardiache, negli stati di ipereccitabilità con aritmie e nell'ipertensione arteriosa, specie se di origine nervosa. Recentemente sono stati fatti alcuni studi clinici su pazienti con scompenso cardiaco moderato e/o con ipertension...

Componente
Vitamina C

Vitamina C

L'acido ascorbico esiste in due forme enantiomere (immagini speculari non sovrapponibili tra loro) ma solo una di esse, l'enantiomero (5R)-5-[(1S)-1,2-diidrossietil]-3,4-diidrossifurano-2(5H)-one, è la vitamina C. È un composto molto idrosolubile, spiccatamente acido, che si presenta sotto forma di cristalli inodori ed insapori con pH circa 2,5 e rotazione ottica specifica di circa +20 gradi. La vitamina C assunta con la dieta viene assorbita a partire dalla bocca, nello stomaco e soprattutto a livello dell'intestino tenue grazie ad un processo di diffusione passiva dipendente dal sodio. Questo sistema è molto efficiente soprattutto per basse dosi della vitamina. Via via che la concentrazione di acido ascorbico cresce, il sistema di assorbimento si riduce di efficienza fino a valori del 16%. Nel plasma la vitamina circola per il 90-95% come acido ascorbico e nel 5-10% come acido deidr...

Componente
Vitamina B6

Vitamina B6

Le forme della vitamina B6 sono stabili al calore soprattutto in ambiente acido ma vengono decomposte dalla luce o da sostanze ossidanti. Sembra che l'assorbimento della vitamina B6 avvenga a livello del digiuno tramite un processo di diffusione passiva. Le tre forme della vitamina, tuttavia, si possono trovare negli alimenti sotto forma di esteri 5'-fosfati i quali vengono sottoposti ad un processo di idrolisi energia-dipendente. Dalle cellule dell’epitelio intestinale la vitamina passa nel sangue ove si può trovare legata all’albumina oppure all’emoglobina (in quest’altro caso si trova all’interno dei globuli rossi). Gran parte della vitamina viene depositata nel fegato, dove viene immagazzinata, previa fosforilazione, e da esso viene rilasciata, in forma defosforilata, e ceduta ai tessuti, dove viene rifosforilata. La vitamina B6 non immagazzinata viene eliminata con le u...

Componente
Vitamina B2

Vitamina B2

La riboflavina (o vitamina B2) venne isolata per la prima volta nel 1927 ad opera di Paul Gyorgy. Successivamente si vide anche che il latte presentava elevate concentrazioni di tale sostanza che all'inizio venne appunto denominata lattoflavina. In un primo tempo era stata denominata vitamina G. Il chiarimento della sua struttura chimica e la constatazione della presenza di una molecola di ribitolo fece sì che il nome della vitamina fosse cambiato in quello di riboflavina. Nel 1935 avvenne la sintesi di tale composto ad opera di Richard Kuhn. La riboflavina è un composto eterociclico ottenuto da una molecola di flavina cui è legata una catena formata da ribitolo. È un composto di colore giallo, poco solubile in acqua, stabile al calore (la cottura ne determina l'inattivazione di solo il 10-20% del quantitativo totale) e fluorescente qualora sottoposto a luce ultravioletta. Se co...

Componente
Vitamina B12

Vitamina B12

La vitamina B12 è una sostanza di colore rosso, cristallina, igroscopica, fotosensibile ed altamente solubile in acqua; è formata da un anello corrinico (composto da 4 anelli pirrolici e tre ponti metinici) con al centro un atomo di cobalto coordinato da quattro atomi di azoto. Il cobalto presenta, inoltre, due legami di coordinazione perpendicolari rispetto al piano dell'anello. Il primo di essi si stabilisce con una molecola di 5,6 dimetilbenzimidazolo legata, a sua volta, ad un ribosio 3-fosfato. Il secondo legame si stabilisce con diversi gruppi (R) i quali possono essere: cianidrico -CN (cianocobalamina); ossidrilico -OH (idrossicobalamina); metile -CH3 (metilcobalamina); 5-deossiadenosile (5'-deossiadenosilcobalamina). Le forme metabolicamente attive sono la metil- e la 5'-deossiadenosilcobalamina. La cianocobalamina è un artefatto che si forma durante i processi di estrazione ...

Componente
Vitamina B1

Vitamina B1

Si compone di un anello tiazolico e di uno pirimidinico uniti tra loro da un gruppo metilenico. È una vitamina idrosolubile che in acqua forma soluzioni debolmente acide (N dell'anello tiazolico è assai elettronegativo per cui forma un legame molto polare che spinge CH a comportarsi da acido rilasciando un protone) e che, in tali condizioni, ha una buona stabilità al calore ed all'ossidazione, ma si inattiva in tempi rapidi se il pH è alcalino. In ambiente basico, inoltre, l'aggiunta di ferricianuro ne determina l'ossidazione a tiocromo, composto fluorescente utile per determinarne la quantità nei campioni. La tiamina, una volta assunta con gli alimenti, si presenta nell'intestino in forma libera o come fosfoestere, nel qual caso viene poi sottoposta ad idrolisi dalle fosfatasi. La forma libera della vitamina viene assorbita da due diversi meccanismi: uno di trasporto attivo satura...

Componente
Vitamina A

Vitamina A

La vitamina A si presenta in tre diverse forme: alcolica (retinolo), aldeidica (retinaldeide) ed acida (acido retinoico). Esse sono derivati isoprenoici, costituiti dall'unione di 4 catene di isoprene. Tra i carotenoidi, pigmenti vegetali, si trovano nell'organismo soprattutto: α-carotene, β-carotene, luteina, zeaxantina, criptoxantina e licopene. Gli alimenti di origine animale contengono soprattutto retinolo e suoi esteri (specie retinolo palmitato), mentre nei vegetali si trovano soprattutto carotenoidi. Gli esteri del retinolo prima di essere assorbiti, vengono idrolizzati da diversi enzimi: lipasi, carbossilestere-lipasi di origine pancreatica e da una retinilestere idrolasi che si trova sulle membrane degli enterociti. L'assorbimento del retinolo avviene tramite un processo di diffusione facilitata ma, qualora la concentrazione di retinolo sia elevata, possono intervenire anche...

 

 

Ti consigliamo anche

Acufen

Acufen

Compresse

Boral

Boral

Spray auricolare

Otovit

Otovit

Gocce auricolari